HR | IT | EN

Euroregione Adriatico-Ionica

  • SEDE POLA
    Via Flanatica 29, 52100 Pola, Croazia

    PRESIDENZA: REGIONE MOLISE


    Presidente:
    Paolo di Laura Frattura

    Contatti:
    Francesco Cocco, segretario generale

    C/o Regione Molise
    Via Genova, 11
    86100 Campobasso (Italy)

    Tel. +39 0874 314 674
    e-mail: f.cocco@katamail.com

    L'Euroregione adriatico ionica (Adriatic Ionian Euroregion – AIE) rappresenta un importante progetto internazionale in cui la Regione istriana prende parte. Il Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa, la regione italiana Molise e la Regione istriana hanno avviato il processo della costituzione dell'Euroregione adriatico ionica il 30 giugno 2006 in presenza dell'allora presidente della Croazia Stjepan Mesić, del presidente della Presidenza della Repubblica di Bosnia ed Erzegovina Sulejman Tihić e dei rappresentanti dei governi d'Italia, Albania, Romania, Croazia, dei rappresentanti del Consiglio d'Europa e del Comitato delle regioni dell'Unione europea. Alla funzione del presidente dell'Euroregione fu nominato il presidente della Regione istriana Ivan Jakovčić che continuò a svolgere l'incarico fino al 2011, periodo in cui la Regione istriana si era occupata del coordinamento dei lavori dell'Euroregione adriatico ionica.

    L'Euroregione adriatico ionica rappresenta un nuovo modello di cooperazione sull'Adriatico. Essa è un'associazione costituita da 26 enti territoriali, governi regionali e locali dell'Italia, Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Albania e Grecia nonché di organismi nazionali ed internazionali rappresentando un quadro istituzionale con il proposito di identificare e risolvere le questioni comuni di maggior rilievo. Trattasi di un modello di cooperazione che congiunge la cooperazione transnazionale, transfrontaliera e interregionale in conformità con gli standard attuali e con numerosi altri esempi in tutta l'Europa.
    Finalità dell'Euroregione Adriatico Ionica:

    • creazione di un'area di pace, di stabilità e di cooperazione,
    • tutela del patrimonio culturale,
    • tutela dell'ambiente,
    • sviluppo sostenibile dell'economia, in particolare del settore turistico, della pesca e dell'agricoltura,
    • soluzione delle problematiche di viabilità e infrastrutturali,
    • supporto ai paesi dell'Adriatico verso l'adesione all'UE.

    All'Assemblea dell'Euroregione adriatico ionica tenutasi il 22 ottobre 2009 a Spalato è stata lanciata l'iniziativa per l'approvazione della Strategia europea per l'Adriatico che fungeva da predecessore alla futura costituzione della Strategia europea per la regione adriatico-ionica. Essa dovrebbe seguire l'esempio delle strategie precedentemente adottate: la Strategia europea della regione del Mar baltico e la Strategia europea per la regione danubiana, e  rappresentare la strategia di sviluppo integrata che coinvolge i livelli di potere locale, regionale, nazionale ed europeo come premessa per un utilizzo più efficiente dei fondi europei.

    In seguito all'approvazione da parte della Commissione europea, la Strategia europea per la Regione adriatico-ionica (EUSAIR) è stata ufficialmente promossa il 18 novembre 2014 alla conferenza inaugurale tenutasi a Bruxelles. Gli obiettivi principali della EUSAIR sono la promozione della prosperità economica e sociale nella regione attraverso la crescita e la creazione dei posti di lavoro e, ancor più importante, il supporto alla integrazione europea dei paesi dei Balcani occidentali con lo status di paesi candidati o potenziali candidati dell'UE.

    Maggiori informazioni:
    Euroregione adriatico ionica - http://www.adriaticionianeuroregion.eu/
    EU Strategia per la Regione adriatico-ionica - http://www.adriatic-ionian.eu/